Posted on

Settimocielo

L’azienda agricola Settimocielo è nata nel 2009 per sviluppare un progetto di Alberto Sangalli orientato alla realizzazione di prodotti disidratati naturali ed innovativi. L’azienda si trova a Camerata Cornello, paesino della Valle Brembana, caratterizzato da borghi storici. Settimocielo dista circa 35 chilometri da Bergamo ed 80 dal centro di Milano. L’azienda si trova a 800 metri di altitudine, in una zona ancora abbastanza incontaminata. Gode di una posizione con microclima e terreno particolarmente adatto alla coltivazione dei frutti di bosco.

Nei primi anni l’attività dell’azienda agricola Settimocielo si è concentrata sulla sistemazione del terreno per trasformare quello che era in origine un pascolo, ormai quasi completamente abbandonato ed invaso da rovi, in una coltivazione di frutti di bosco. Sono stati realizzati terrazzamenti, sentieri per l’accesso alle diverse zone,impianti di irrigazione e sono stati impiantati i primi frutteti che comprendevano circa 2000 piantine di frutti di bosco.

Sviluppo dell’attività

Successivamente è iniziata la realizzazione delle nuove strutture per l’attività agricola Settimocielo con il nuovo laboratorio per la trasformazione dei prodotti.Contemporaneamente è iniziata l’attività di studio e di sperimentazione sui prodotti disidratati in sfoglie che, dal 2014, hanno costituito una linea di prodotti molto articolata. Grazie alla collaborazione con il Dipartimento di Scienze Molecolari Agroalimentari dell’Università degli Studi di Milano, ai test effettuati ed alla risposta del mercato ai primi prodotti commercializzati, Settimocielo ha acquisito un vasto know-how tutt’ora in fase di arricchimento. In questa fase si è ottenuta la certificazione biologica per tutte le coltivazioni.

Le coltivazioni

Attualmente le coltivazioni di frutti di bosco bio sono costituite da lamponi, mirtilli, more, ribes, uva spina, fragole e goji. Si coltivano poi mele, pere, prugne ciliegie, albicocche, kaki, fichi. Tra le coltivazioni spontanee presenti sul terreno, si utilizzano noci,castagne e rosa canina. Si coltiva poi Topinambur, rabarbaro, rafano, menta, melissa, rosmarino, salvia, timo, lavanda, ruta e levistico.

Perché frutta e verdura disidratata

Perché abbiamo scelto di trasformare tutte le materie prima Settimocielo in disidratati? La disidratazione è la forma di conservazione più antica e naturale utilizzata dall’uomo e non richiede l’aggiunta di zucchero o conservanti. Inoltre, la lavorazione a bassa temperatura utilizzata da Settimocielo, mantiene il più possibile inalterate le proprietà della frutta, comprese le vitamine che vengono danneggiate da altri metodi di lavorazione.

Condividi e fai conoscere questa pagina ai tuoi amici